Con 2mila calorie raddoppia rischio perdita memoria

Superare a tavola le 2.000 calorie giornaliere non crea solo problemi con la bilancia ma anche con i propri ricordi. Con una tale quantita’ di calorie, raddoppia il rischio di perdita di memoria e l’insorgenza di declino cognitivo, a partire dai 70 anni. Esiste una correlazione dose-risposta, cioe’ piu’ calorie di assumono piu’ e’ alto il rischio di danneggiare il cervello e avviarlo verso la perdita della memoria.

L’hanno descritta alcuni ricercatori della Mayo Clinic di Scottsdale, in Arizona che hanno presentato il loro studio al meeting annuale dell’American Academy of Neurology.

Per la ricerca sono stati arruolati 1.233 individui tra i 70 e gli 89 anni divisi in tre gruppi in base all’apporto calorico giornaliero riferito. In uno dei tre gruppi c’erano i soggetti che hanno dichiarato di consumare tra le 2.000 e le 6.000 calorie al giorno. La probabilita’ di riscontrare una condizione nota come Mild Cognitive Impairment (MCI) ovvero declino cognitivo lieve era piu’ del doppio nel gruppo che mangiava di piu’, rispetto agli altri due.

Il declino cognitivo lieve consiste in una riduzione di efficienza mentale piu’ grave del declino fisiologico dovuto all’eta’ e non grave come una demenza senile ma puo’ anche progredire verso l’Alzheimer.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...